Attivita dell' Agenzia

L'ARPAC, in occasione di incendi e su attivazione di altri Enti (Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Prefetture, etc.) interviene tempestivamente per il monitoraggio di matrici ambientali (aria, acque, suolo) e fornire dati, quantitativi e qualitativi, sulle emissioni di inquinamenti.

In particolare, durante le attività di sopralluogo, si procede ad una prima ricognizione del sito descrivendo, per quanto possibile evidenziare in condizioni di sicurezza, lo stato dei luoghi, supportato anche da report fotografici che consentono di comprendere meglio ciò che viene descritto.

Si procede quindi, in funzione dell'evento, sia alla valutazione di quali matrici campionare sia di quali analiti ricercare. Inoltre, quando si verificano incendi di rifiuti o altro materiale, oltre al posizionamento di campionatori mobili di aria, si procede anche alla valutazione di quali centraline fisse di rilevamento sono presenti nell'area geografica di riferimento; quest'ultima valutazione risulta, spesso, molto importante in quanto i sensori delle centraline, operativi h24,  sono in grado di fornire nel tempo l'andamento della concentrazione di alcuni tra i più importanti indicatori della qualità dell'aria quali polveri sottili (PM10), ossidi di azoto (NO2), ossidi di zolfo (SO2), Benzene ed altri. Collegandosi al seguente link http://www.arpacampania.it/aria è possibile visualizzare, su scala regionale, l'ubicazione delle stazioni che costituiscono la Rete Regionale di Monitoraggio della Qualità dell'Aria. Selezionando ciascuna stazione sulla mappa appare una finestra con le informazioni principali del sito di misura.