Risultati dei monitoraggi 2016 - 2018

La classificazione dei corpi idrici costieri viene determinata in base allo stato chimico e allo stato ecologico, secondo le indicazioni della direttiva 2000/60/CE recepita con il d.lgs. 152/06 e ss.mm.ii.. A ciascun corpo idrico viene assegnato uno stato ecologico e uno stato chimico: il primo è dato dal monitoraggio degli elementi di qualità biologica, dagli elementi di qualità fisico-chimica a sostegno e dagli elementi chimici a sostegno (inquinanti specifici non appartenenti all'elenco di priorità – tabella 1/B colonna d'acqua del DM 260/2010); il secondo dal monitoraggio delle sostanze dell'elenco di priorità (tabella  2/A e 3/A sedimenti del DM 260/2010)Inoltre con l'aggiornamento asi sensi del D.lgs 172/15 saranno effettuati dei profili analitici diversi per ogni corpo idrico, sulle risultanze dei dati pregressi, per la ricerca delle sostanze prioritarie nella colonna d'acqua e nel biota secondo la tabella 1/A del decreto stesso.

Nella mappa sottostante è possibile visualizzare le stazioni di monitoraggio che saranno oggetto di indagine nell'arco temporale del triennio 2016/2018 secondo quanto approfonditamente spiegato nel Piano di Monitoraggio visibile nella rispettiva sezione del Sito.

 

I dati presenti in questa sezione sono aggiornati di volta in volta che le risultanze analitiche vengono elaborate secondo i dettami della normativa di riferimento.

 

CARTOGRAFIA TEMATICA INTERATTIVA