La flotta Arpac

Helios

Il battello oceanografico "Helios" è stato progettato e costruito in conformità ai più elevati standard internazionali in materia di sicurezza di bordo e protezione ambientale, in modo da ottenere la classe "Croce di Malta" e la certificazione "Clean Ship" in linea con le normative dell'ente di classifica "Bureau Veritas".
Il battello "Helios" è in grado di compiere campagne oceanografiche della durata di diversi giorni, le zone operative interne sono climatizzate, i locali sottocoperta destinati ad ospitare i tecnici sono composti da un'ampia saletta con tavolo e cassapanca della capacità di 10 persone, un'area adibita a cucina con frigo e accessori vari, 2 locali WC con docce e 3 cabine con un totale di 7 cuccette; i locali igienici sono collegati ad una cassa di stoccaggio e, in linea alle prescrizioni previste dalla certificazione "Clean Ship", è stato installato a bordo un impianto di trattamento dei liquami basato su un processo fisico-chimico e disinfezione batterica, con produzione di effluenti che possono essere scaricati fuoribordo nel rispetto della più restrittiva legislazione internazionale, in particolare, della Risoluzione IMO-592E. Nel rispetto della stessa certificazione "Clean Ship", i motori di propulsione, alimentati con gasolio depurato da specifico impianto di bordo, sono dotati di certificazioni antinquinamento per le emissioni in atmosfera rispondenti alla normativa internazionale "Marpol 73/78".

 

Caratteristiche principali del battello
Lunghezza fuori tutto: 20.16 m
Larghezza fuori delle perpendicolari: 5.95 m
Stazza lorda: 47.74
Velocità di crociera: 18 nodi in condizioni operative
Materiale di costruzione scafo: lega leggera in alluminio
Motori di propulsione: N. 2 da 588 Kw (Heavy Duty)
Generatori elettrici: N. 2 generatori da 230V, 50 Hz, potenza 42 Kw
Carena: monocarena V
Acqua potabile: 1,4 t con dissalatore da 60 lt/h
Gasolio: 6600 litri  
Trasporto tecnici: n. 12
Classificazione: Certificato di Classe rilasciato dal Bureau Veritas. Classe "Clean Ship"

 

Attrezzature di bordo
Gru: movimentazione strumentazione pesante per i prelievi di sedimenti marini su fondali fino a circa 100 metri (carotieri a gravità e benne) e per movimentare il battello di servizio
Verricello con 1000 metri di cavo di acciaio: per prelievi di sedimenti su alti fondali
Verricello con 1000 metri di cavo coassiale armato e con contatti striscianti: consente l'utilizzo di strumentazione oceanografica di tipo elettronico (sonde multiparametriche e sonar a scansione laterale)
Arco poppiero movibile è asservito ai due verricelli: per l'alaggio e varo della strumentazione
Sonde multiparametriche: acquisizione in tempo reale e in funzione della profondità di temperatura, salinità, pH, ossigeno disciloto, clorofilla e torbidità
Benne e Box corer: prelievo sedimenti del fondo marino
Retini per fito e zooplancton: pescate orizzontali e verticali di plancton
Bottiglie tipo Niskin: prelievo di acqua a profondità prefissata
Side Scan Sonar (sonar a scansione laterale): rilievi elettroacustici dei fondali
R.O.V. (veicolo subacqueo filoguidato dotato di telecamera): ispezioni subacquee e registrazione di immagini in tempo reale da bordo
N. 4 attrezzature subacquee ARA complete: prelievo di animali, di vegetali e di sedimenti; rilievi, ispezioni e misure in immersioni subacquee
Armadio rack: computer per l'acquisizione dei dati e strumentazione elettronica di interfaccia alla strumentazione in mare
Cappa chimica: manipolazione in sicurezza dei fissativi per il pretrattamento e la conservazione dei campioni prelevati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

I battelli minori

Si tratta di n. 3 battelli di lunghezza 26 piedi fuori tutto (7.88 metri) e di n. 3 battelli di lunghezza 34 piedi fuori tutto (10.5 metri). Il materiale di costruzione degli scafi e delle sovrastrutture è in vetroresina rinforzata, le imbarcazioni sono dotate di due motori diesel su linea d'asse che consentono di avere una velocità di crociera di oltre 20 nodi.
La loro dislocazione logistica lungo l'intera costa regionale assicura la necessaria operatività in mare che permette all'ARPAC di raggiungere in tempi rapidi ogni punto della costa. Il loro impiego principale è legato alle attività di controllo sulla qualità delle acque di balneazione ai sensi della normativa vigente, ma, sono risultati estremamente funzionali per svolgere ogni tipo di intervento in mare finalizzato alla tutela dell'ambiente marino, anche in collaborazione con le forze dell'ordine. Inoltre, dalla loro entrata in servizio, sono impegnati nei controlli e nella sorveglianza, lungo tutta la costa della Regione Campania, previsti dai programmi annuali di monitoraggio delle alghe potenzialmente tossiche attivati dall'Assessorato alla Sanità.

Caratteristiche principali dei battelli minori
Lunghezza
m.  7,88 - m.  10,50
Larghezza m.  2,64 - m.  3,26
Altezza della nave al ponte di stazza m.  1,15 - m.  1,35
Stazza Lorda Nazionale TSL
Dislocamento TONS
Potenza Max dei Motori di Propulsione kW


La gestione della flotta ARPAC è realizzata completamente da personale interno all'Agenzia.
Con l'acquisizione dei mezzi nautici, della strumentazione oceanografica, delle attrezzature di avanguardia di bordo e con un gruppo di tecnici dedicato, l'ARPAC oggi ha raggiunto l'importante obiettivo di avere una struttura, denominata Unità Operativa Tutela Ambiente Marino ed Oceanografia, in grado di svolgere tutte le attività previste dai programmi di monitoraggio marino regionali, ministeriali ed europei. Infatti, realizza in piena autonomia le attività tecnico scientifiche di controllo e monitoraggio nell'ambito dei programmi previsti dal Ministero dell'Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare e dalla Regione Campania, Assessorati all'Ambiente e alla Sanità.